Novità

Come faccio a gestire il saldo delle bollette in un affitto all-inclusive?7 min read

4 November 2021 6 min read

author:

Come faccio a gestire il saldo delle bollette in un affitto all-inclusive?7 min read

Reading Time: 6 minutes

Quando gestisci un affitto all-inclusive, di solito addebiti una quota fissa mensile per le bollette (elettricità, acqua, internet, spese condominiali, ecc.).

Il problema viene al momento del saldo, di solito fatto periodicamente o alla fine del periodo di affitto. Tu addebiti un importo fisso all’inquilino ogni mese, ma il consumo non è costante. Spesso le bollette si presentano in periodi diversi: bimestrale, trimestrale, semestrale o annuale.

Metti nell’equazione il fatto che gli inquilini non rimangono per un numero standard di mesi, e hai un problema abbastanza difficile da risolvere.

Partendo dalla nostra esperienza nella gestione delle proprietà, ecco cosa fare per affrontare questo problema.

Immagine da The Negotiator

1. Fai un importo fisso per il saldo

Alcuni evitano il problema alla radice, e non è un’idea troppo cattiva. Per esempio, se non stai guadagnando dal consumo delle bollette, puoi concordare con l’inquilino un importo fisso mensile per il consumo.

Di solito, durante l’estate, pagherà di più e pagherà meno durante l’inverno. Alla fine dell’anno, le quote fisse e le tue spese si equilibreranno.

:thumbsup: Questa strategia ti impedisce completamente di calcolare qualsiasi saldo, risparmiandoti così tempo e denaro.

:thumbsdown: Alcuni inquilini potrebbero resistere a questa soluzione, volendo pagare tanto quanto consumano.

2. Usare importi presunti

Quando l’inquilino se ne va, è quasi impossibile avere tutte le bollette. Alcuni fanno una previsione del consumo e si accordano su quel valore con l’inquilino. Questo processo è vantaggioso se l’inquilino ti dà le letture dei contatori per calcolare di conseguenza la quota parte della bolletta.

Sfortunatamente, questo non è valido per ogni bolletta. Le spese condominiali sono di solito annuali e non c’è una lettura del contatore.

:thumbsup: Questa strategia è giusta per l’inquilino e ti permette di chiudere la sua posizione alla fine del contratto di locazione.

:thumbsdown: Il calcolo è su una previsione, quindi puoi ancora trovare qualche resistenza da parte degli inquilini che vogliono pagare quanto consumano.

3. Lavora sul saldo una volta che tutte le fatture sono arrivate

Puoi aspettare di avere tutte le fatture per fare il saldo. In questo caso, i property manager trattengono una parte del deposito quando lo restituiscono per coprire qualsiasi costo aggiuntivo derivante dalle dichiarazioni.

:thumbsup: Questo metodo è il più giusto per l’inquilino perché paga esattamente quanto consuma.

:thumbsdown: La complessità della gestione di questo è alta. Sarebbe meglio se tu tenessi aperte le posizioni degli inquilini anche dopo che sono usciti dal tuo appartamento, dovendo tornare da loro dopo mesi e recuperare tutti i calcoli.

E solo una nota a margine, puoi gestire tutte queste bollette attraverso RoomMate Estelle.

La nostra soluzione: Fai come una compagnia telefonica

Andy Rubin teases new Essential phone with 'radically different' form  factor | TechRadar
Immagine da TechRadar

Parlando con i proprietari e gli amministratori di immobili, abbiamo trovato una possibile soluzione per rendere tutti felici.

Alcune compagnie telefoniche oggi offrono un piano all-inclusive. Puoi chiamare e navigare quanto vuoi per un prezzo fisso o a scaglioni.

Puoi fare lo stesso, offrendo un vero e proprio affitto all-inclusive, incluso l’uso illimitato di elettricità, bollette, tutto.

Il segreto

Se leggi i termini e le condizioni del tuo contratto con il tuo provider, non si tratta di un piano all-inclusive. Avrai sempre dei livelli o dei limiti di utilizzo.

Anche qui puoi fare lo stesso, stabilendo che se il consumo supera certe soglie, l’inquilino pagherà la differenza.

Dai primi mesi e dalle prime bollette, vedrai chi consuma di più e chi consuma di meno. Questo avvertimento ti permetterà di individuare gli inquilini ai quali verrai pagato di più.

Utilità per tutti

Questa strategia porta utilità a tutti:

  • L’inquilino non si preoccupa di pagare a consumo, poiché ha una formula tutto compreso. Se ci pensi, le catene alberghiere fanno lo stesso e noi abbiamo imparato da loro
  • Si evita la complessità di calcolare bilanci complessi sul consumo effettivo o previsto.

Adatto anche per la contabilità

Questa soluzione è adatta anche alla tua contabilità. Avendo entrate fisse per le bollette ogni mese, sarai anche in grado di prevedere facilmente i tuoi flussi di cassa, calcolando le giuste tariffe da addebitare ad ogni inquilino ogni mese.

Da dove ci siamo ispirati: gli hotel

L Hotel | FREE Cancellation 2021 Khon Kaen Deals, HD Photos & Reviews
Immagine da Agoda

La formula all-inclusive sta crescendo tra le catene alberghiere e gli sviluppatori perché c’è valore per tutti. L’ospite non si preoccupa di nulla; sa che paga qualcosa in anticipo e può consumare quanto vuole. L’hotel offre un servizio aggiuntivo e differenziato all’ospite, assicurando maggiori prenotazioni e, come vedremo, profitti.

Il “problema dell’attesa”

La formula all-inclusive risolve il problema dell’hold-up sia per gli ospiti che per gli hotel. Il problema dell’hold-up significa che entrambe le parti ne beneficiano perché il resort e il cliente si accordano su un costo fisso per tutto in anticipo

L’hotel beneficia perché ottiene che il cliente spenda soldi dove altrimenti non li avrebbe spesi. Non usi la piscina? Non preoccuparti, è tutto incluso! (e ti farò pagare un importo fisso per questo). Questo beneficio si applica allo stesso modo a tutto.

Di conseguenza, l’hotel può ottenere una quota maggiore del valore dell’ospite.

Il valore per l’hotel

C’è una grossa fetta di valore per l’hotel: l’informazione di sapere in anticipo dove l’ospite spenderà i suoi soldi.

Cosa significa? Significa efficienza sui costi operativi. L’hotel controlla i costi variabili dell’equazione perché ha deciso in anticipo cosa offrire nell’all-inclusive.

Grazie a questo, possono anche far pagare di più. L’all-inclusive è un servizio aggiuntivo che gli hotel offrono e per questo fanno pagare un premio. Il pacchetto all-inclusive è un’esperienza per l’ospite e sono disposti a pagare un extra per questo.

Il valore per l’ospite

Questo valore è ancora più semplice: relax e tranquillità. Di nuovo, il cliente non deve preoccuparsi di nulla. Possono consumare quanto vogliono perché l’ospite ha già pagato il conto in anticipo.

E le fatture?

Affrontiamo la realtà. Nessuno lascerà l’acqua corrente tutta la notte, terrà le luci accese o accenderà il riscaldamento come se fosse ai Caraibi.

Anche se trovi qualcuno che lo fa, i “bassi utilizzatori di solito sovvenzionano gli alti utilizzatori” Questo concetto significa che potresti perdere dei soldi con alcuni inquilini, ma tutto sommato, avrai un profitto.

Cosa puoi fare

Gli hotel non si fermano qui, poiché il loro obiettivo è quello di massimizzare il valore totale degli ospiti. Sarebbe utile se tu facessi lo stesso con i tuoi inquilini.

Puoi vendere servizi aggiuntivi, come coupon di sconto su ristoranti, biglietti per eventi, accesso a musei, discoteche e aule studio e camere se lavori con studenti. Tutto sommato, puoi fornire tutto ciò che è in linea con il target dei tuoi inquilini.

Il risultato:

  • Il tuo inquilino è più felice, riferirà il tuo marchio ai suoi amici e tu ne beneficerai
  • Guadagnerai ancora di più dal tuo inquilino, massimizzando il suo valore totale

Come gestire tutto questo?

Una volta che abbiamo capito che il pacchetto all-inclusive funziona e che l’offerta di servizi aggiuntivi ti permette di massimizzare il valore totale dell’inquilino, dobbiamo fare un’altra domanda: come faccio a gestire la maggiore complessità di fornire altri servizi?

La soluzione viene dagli hotel. Per prima cosa, prendi il software di gestione della proprietà, che ti permette di gestire tutti i diversi aspetti delle tue operazioni quotidiane di affitto. Senza tecnologia o facendo tutto questo manualmente, sarai perso.

Cosa dovresti guardare quando scegli un software di gestione della proprietà in affitto? Una cosa semplice: deve essere completo. Completo qui significa che dovrebbe avere tutte le caratteristiche di cui hai bisogno. Dovresti essere in grado di gestire inquilini, proprietà, manutenzioni, comunicazioni, scadenze, servizi, proprietari e ogni altro aspetto della gestione della proprietà.

E ricorda, il modo più semplice per gestire tutti i tuoi affitti, bollette e fatture è attraverso la funzione di pagamento di RoomMate Estelle.

Gestivo 46 appartamenti in locazione. Ora mi sono dedicato a semplificare la vita a chi gestisce affitti.
Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *