Consigli Convivenza

Birra: le 8 tipologie piú strane sul web

2 Ottobre 2018

author:

Birra: le 8 tipologie piú strane sul web

La chiesa è vicina, ma la strada è ghiacciata; il pub è lontano, ma camminerò con prudenza 

– Proverbio russo         

Che sia chiara o scura, bionda o rossa, la birra è la bevanda alcolica preferita di tutti gli studenti universitari.

Abbiamo due tipi di bevitori: quelli che puntano sulla quantità perché l’importante è bere e quelli che “ L’altra sera mi sono preso la apsohgapihisufadhv lager, molto buona. Gusto corposo, un leggero sentore di caffè delle Ande con un retrogusto di caramello dell’Azerbaigian”.

Nonostante i gusti diversi che ognuno puó avere in fatto di birre, ce ne sono alcune che possono mettere alla prova anche il miglior giocatore di beerpong.

Signori e signore, rullo di tamburi!!!

Ecco a voi le 8 birre piú strane che ci sono in circolazione.

 

Numero 8: We Brew Gold

We Brew Gold

Se avete amici che vanno solo alle feste piú chic ed eleganti e non bevono birra perché ‘’ fa troppo rude ‘’  e ‘’ poco raffinata ‘’ , allora dovete assolutamente far conoscere loro la We Brew Gold .

Prodotta da Mikkeller in Spagna, ha il modico prezzo di 10 euro per 330ml. Molti pensaranno ‘’ ma che è oro?! ‘’

 

Ebbene si, questa birra ha vere scaglie d’oro al suo interno!

Numero 7: Kwispelbier

Se avete sempre compatito i vostri amici pelosi perché non hanno mai avuto la possibilitá di provare la miglior bevanda inventata dal genere umano, allora la pensate allo stesso modo di Gerrie Berendsen.

 Kwispelbier e cane che beve

Un giorno Gerrie era intento a godersi una fresca birra seduto nella sua casa in mezzo ai boschi austriaci. Guadando il suo cane, stanco dopo una lunga giornata di caccia, gli venne un’idea geniale : una birra per cani con estratto di carne e malto.

 

 

Kwispelbier – cosí è il suo nome – vuol dire  letteralmente ‘’ cane che scodinzola’’.   

È  analcolica ed è  predisposta per il consumo umano ..  ma costa quattro volte in piú di una Heineken.

 

Numero 6: Mangalitsa Pig Porter

Mangalitsa Pig Porter

Ti piacciono le birre con gli estratti? Beh allora questa devi saltarla perché la Right Brain Brewery’s del Michigan ha deciso di fare una bevanda usando vera carne di maiale affumicata.

“Extract are for sissies” (gli estratti sono per femminucce) è quello che c’è scritto sull’etichetta.

 

Con un gusto che ricorda quello del bacon , questa strana variante del nettare degli dei ha conquistato il palato di tutti vincendo il premio per la migliore tra le birre sperimentali all’American Beer Festival.

Non potete trovarla tutto l’anno, solo in primavera quando la birreria organizza una piacevole grigliata di maiale.

 

Numero 5: Bilk

Bilk

Questa birra è  per tutti quelli che la mattina, quando si svegliano, come prima cosa pensano a una bionda fresca e frizzante… ma anche a fare colazione.

Perché si sa, la colazione è il pasto più importante del giorno. Se sei stanco del solito latte e cereali, questa potrebbe essere la soluzione piú adatta per te!

In Giappone  un piccolo birrificio ha cominciato a produrre una bevanda poco maltata composta dal 70% di birra e dal 30% di latte dello Hokkaidō dopo aver saputo che i produttori locali buttavano via il latte invenduto. 

Numero 4: Mamma Mia

Birra alla pizza

Pizza e birra sembra essere la coppia perfetta. Tom Seefurth ha portato questa combinazione  ad un livello successivo creando una birra al sapore di pizza.

Appassionato birraio , gli piaceva combinare varie erbe aromatiche per creare sempre qualcosa di nuovo e particolare. Un giorno un suo amico, dopo aver provato uno dei suoi esperimenti, disse che l’odore gli ricordava quello della pizza. Di lí l’idea : una birra alla pizza!

Dopo vari tentativi, una combinazione di basilico,origano,pomodoro ed aglio gli ha assicurato il successo. La birra è diventata subito molto popolare nell’Illinois portando John all’ideazione di altri prodotti di cui un impasto per la pizza alla birra, un impasto per la frittura alla birra e una birra .. al sapore di taco!

Numero 3: Dock Street Walker

Walking-Dead-Beer

Sei un fanatico dei film e delle serie tv e stai aspettando un’invasione zombie per vedere di che pasta sei fatto? Perfetto, allora puoi aspettarla sorseggiando la Dock Street Walker Beer  e guardando un episodio di The Walking Dead.

Quando combini birra e zombie escono Justin Low e Sasha Certo-Ware.

In onore della famosa serie tv “The Walking Dead”, i due hanno ideato una stravagante variante della bevanda utilizzando mirtillo rosso per dargli il suo caratteristico colore rosso pallido e cervella di capra affumicate per dargli un sapore fumoso tipico delle apocalisse zombie. Insomma  … la birra più intelligente in circolazione.

 

Numero 2: Hvalur 2

Dagbjartur Arilíusson, un signore islandese con la passione per la birra, ha ideato una birra a base  di testicoli di balena affumicati con sterco di pecora.

In una sua intervista dice “Abbiamo cominciato nel 2012 perché eravamo proprietari di una fattoria nell’est dell’Islanda e volevamo avere un lavoro vicino casa. Pensavamo fuori dagli schemi. La birra è una passione ed eravamo interessati alle leggi della purezza della birra bavaresi.”

Sembra che la Hvalur 2 abbia ricevuto apprezzamenti in varie parti del mondo, oltre che in Islanda, dove è riuscito a fare sold out .

 

 

Numero 1: Beard Beer

Beard Beer

Sappiamo che c’è un processo piuttosto lungo per produrre la birra. Il malto viene immerso nell’acqua calda; dopo vari passaggi ricaviamo il mosto a cui poi viene aggiunto del lievito che porta cosí  alla fermentazione.

La particolarità di questa birra sta proprio nel lievito utilizzato.  La birra è prodotta da un  mastro birraio di nome John Mater, un signore che non taglia la barba dal 1978. Qualcuno ha scherzato sul fatto che la barba 34enne di John fosse un posto ideale per coltivare lievito. Uno scherzo che è diventato realtà.

Niente da temere, è pratica comune che i birrai usino lievito selvatico per produrre le proprie birre.

 

 

 

 

Avete mai provato una birra strana come queste? Fatecelo spaere nei commenti!!

 


RoomMate, app gratuita per coinquilini, ha come obbiettivo primario quello di semplificare e gestire la vita in convivenza .. ma non solo! Infatti, attraverso il blog, RoomMate vuole sostenere gli studenti di tutta Italia con articoli dei più svariati argomenti.  Leggendo questo articolo ti é venuta sete e hai deciso di andare a fare aperitivo? Se sei a Milano puoi leggere il nostro articolo ” 5 locali dove fare aperitivo a Milano con i coinquilini”  in cui ti forniamo una selezione di locali che potrebbero fare al caso tuo!

Siete curiosi e volete altre informazioni? Non esitate a visitare :

Sito web: the-roommate.com
Blog: blog.the-roommate.com
Pagina Facebook: facebook.com/AppRoomMate/
Pagina Instagram: instagram.com/roommate_app/