Consigli Convivenza

Come riparare il tubo della doccia

4 Dicembre 2018

author:

Come riparare il tubo della doccia

 

 

Il tubo della doccia è una di quelle cose che capita più spesso di cambiare. Sarà che siamo degli spilungoni in casa ma ci si rompe abbastanza spesso e quindi ho deciso di fare una guida su come si riparasse.

doccia

La procedura non è troppo complessa, anzi è facile quanto svitare una vite.

Bisogna stare attenti, in  particolar al tipo di tubo che si sceglie e alla sua lunghezza, altrimenti rischiate che seppur abbiate un soffione non lo potrete usare se non stando accucciati e sarà tutt’altro che comodo.

Questa parte della doccia tende a consumarsi spesso perché di giorno in giorno è una componente che viene sottoposta a molti stress. Soprattutto se è troppo corta tendiamo infatti a tirarla troppo. Con il tempo questa si può lacerare facendo perdere troppa acqua e alla fine finisce che la dobbiamo cambiare.

Se proprio vi sentite negati per il fai da te allora forse è meglio chiamare un idraulico. Nella sezione servizi di RoomMate potrete trovare questo tipo di servizi e potrete comodamente contattare un idraulico professionale e competente direttamente dall’app.

Se invece vi sentite abbastanza forti in questo campo allora vi spiego tutta la procedura.

idraulico che lavora

La prima cosa da fare dopo che il tubo vi si è rotto, appena avete tempo prendete o una chiave inglese e svitate l’attacco del tubo al rubinetto. Potreste ritrovarvi due casi: se l’attacco è a forma di dado ve la cavate, come detto in precedenza, con una chiave inglese o anche con delle pinze. Nel secondo caso l’attacco è fatto per essere svitato a mano ma spesso con il calcare l’attacco tende a bloccarsi e toglierlo con le nude mani potrebbe risultare molto difficile quindi dovrete ricorrere a della pinze per svitarlo.

Successivamente dovrete svitare la parte del tubo attaccata al soffione. Questa parte è abbastanza facile da svitare e sarà necessario anche solo l’utilizzo delle mani.

Adesso quello che dovrete fare è misurare la lunghezza del tubo. Questa infatti è molto importante poiché se è troppo corta finirete per dovervi lavare accucciati in una posizione molto scomoda, se è troppo lungo finirete per inciamparvi oppure avrete un tubo molto lungo che vi darà fastidio mentre vi lavate.

La lunghezza del flessibile ideale è orientativamente tra i 150 cm e i 200 cm. Questo dipende dalle vostre preferenze.

A questo punto, misurata la lunghezza, occorre andare in qualche negozio di fai da te ed edilizia, facendo un esempio Bricoman oppure Leroy Merlin oppure anche una semplice ferramenta. Il tubo lo potete anche lasciare a casa perché gli attacchi sono standardizzati.

A questo punto troverete varie opzioni tra cui scegliere:

  • flessibile inox
  • doppia aggraffatura
  • pvc
  • plastica
  • gomma
  • inox cromo

Dovrete scegliere quello migliore per voi. Quelli che costano meno sono i flessibili inox, cioè un tubo plastificato con una rete inox dentro per renderlo più resistente. Tuttavia questo flessibile è piuttosto rigido e scomodo.

L’altro sempre abbastanza economico è quello a doppia agraffatura.

flessibile doccia

Questo tipo di flessibile infatti è molto più comodo nell’utilizzo, tuttavia tende a rompersi anche più frequentemente.

Il migliore e quello che ha un prezzo leggermente superiore in genere è quello in pvc. Il flessibile in questione infatti seppur molto resistente permette un eccellente comodità.

Avrete scelto il vostro flessibile più adatto alle esigenze. Vi siete ricordati di prendere la misura giusta per voi. Adesso non rimane altro che andare alla cassa, pagare e tornare a casa per montare il vostro nuovo tubo per la doccia.

Prendete il soffione della doccia e avvitate il nuovo flessibile al soffione della doccia. Successivamente avvitato il tubo della doccia al rubinetto, in questo caso aiutandovi anche con una chiave inglese o una pinza. In questo caso fate attenzione a non graffiare il nuovo flessibile, avvolgete un pezzo di carta o di giornale intorno all’attacco e avvitate il tubo facendo attenzione a non danneggiarlo. Il lavoro è ufficialmente completato.

Se ti è piaciuto l’articolo e ti piacerebbe leggere altri articoli come questo ci daresti una grande mano mettendo mi piace alla nostra pagina Roommate app su fb  e/o all’articolo. Abbiamo anche una pagina Instagram con altri contenuti interessanti.

Noi di Roommate siamo tutti studenti fuorisede è abbiamo avuto le nostre esperienze, sia belle che brutte, con i coinquilini. Crediamo che andare a vivere lontano dal nido familiare sia un’esperienza fondamentale e vogliamo aiutarti a godertela al massimo.

Siamo un’applicazione che ti semplifica la vita con i tuoi coinquilini. Vi aiutiamo a dividere le spese, vi ricordiamo quando pagare le bollette e vi aiutiamo ad organizzarvi con le faccende di casa.

 

Scarica l’App (Android): http://bit.ly/2RFk1Mz
Scarica l’App (IOS): https://apple.co/2Czo6gL